Cose successe mentre ero a Bologna: Soft Revolution, Colazione +1, La Luisona e la Madeleine

L’anno scorso sono andata a Bologna ad annusare l’aria, vedere cos’era Bologna Children’s Book Fair e cosa aspettarmi.
Quest’anno è stata una cosa molto diversa. Sono andata con degli appuntamenti, delle cose da fare e con un gran debito di ore di sonno.
Torno con un debito di sonno ancora peggiore – di cui sono corresponsabili le meravigliose persone con cui ho diviso questi tre giorni – un gran mal di schiena e un gran numero di cose belle che vedremo se porteranno frutto nei mesi a venire.
Mentre io mi tiravo dietro il mio trolley per i padiglioni della fiera c’è stata la Colazione +1 di #duegradiemezzo, una cosa bella di cui sono stata con grande orgoglio una piccola parte, specie per le splendide persone che c’erano di mezzo, come Mariachiara e Sara Serravalle.

Un paio d’ore dopo (è stato un lungo lunedì), su Soft Revolution c’era un post in cui ho raccontato del mio anno senza shopping e di come apparentemente sia possibile pur rimanendo membri funzionali della società (spoiler: si può fare).

E sempre a proposito di cose successe nel frattempo – usando il concetto di frattempo in maniera più elastica – ho disegnato una papera col maglione a righe per La Luisona e la Madeleine, dietro alle cui ricette c’è una delle persone di cui mi fido di più quando si tratta di mangiare, leggere e a ben pensarci anche del restante spettro delle esperienze umane.

Per chiudere, ho deciso di prolungare i saldi su Etsy per un altro mese, perché Marzo è stato un mese di lavoro matto e disperatissimo e non sono riuscita a dedicare a questa faccenda il tempo che avrei voluto.

Ho finito. Liberi tutti. Fuori c’è un sole stupendo.



I commenti sono chiusi.