Domitilla, il TEDx di Verona e io

Ci sono due motivi per cui mi piace lavorare con Domitilla, anzi tre.
Il primo è che mi propone sempre qualcosa di nuovo che non ho mai provato, e questa volta la proposta era realizzare le immagini che avrebbero accompagnato il suo talk al TEDx di Verona del 24 aprile scorso. Che per una che fa colazione alternando i video dei ted talk a quelli di animali era come chiedere “vuoi accompagnare Babbo Natale nel suo giro in slitta?”

Il secondo motivo è che ha sempre ben chiaro non tanto cosa vuole, ma cosa le serve. Che è una differenza cruciale tra un orpello e qualcosa che ha una sua funzione e che si incastra per bene con il resto dell’insieme. Le illustrazioni per il suo speech dovevano essere complementari al suo discorso, immediate, e leggibili sia per chi seguiva in sala che per chi avrebbe visto lo streaming o il video.

La terza ragione è che puoi avere con lei una conversazione serissima sul lavoro che comincia con la frase “stai lavorando in pigiama, vero?”. E non solo puoi risponderle , ma puoi pure mostrarle il pigiama attraverso la webcam (e che pigiama, signori). Perché non confonde la serietà con la seriosità e la professionalità coi formalismi.

Motivo per cui le slide del suo discorso possono aprirsi con una prateria di pois a che a ben guardare sono muniti di occhiuzzi e sono persone, atomi e nodi di una rete.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *